Impastatrice con funzione cooking

Si tratta di apparecchi abbinano la capacità di impastare alla funzione cottura. Tra questi troviamo i robot da cucina come il Kenwood Cooking ed il Bimby e le macchine per il pane. Queste ultime hanno un’applicazione molto limitata in quanto sono studiate per un compito molto specifico e quindi con una limitata flessibilità d’impiego. Il loro prezzo è tendenzialmente basso (50€ – 150€) specialmente se confrontato con i costosissimi Bimby e Kenwood Cooking. Non mi dilungo troppo nella descrizione di questi apparecchi perché la loro capacità di impastare è legata unicamente alla produzione del pane. Per dovere di cronaca segnalo, come indicato su alcuni post, che qualcuno ha provato ad utilizzare la macchina per il pane come semplice impastatrice con risultati alterni. Il problema principale sembra essere la durezza dell’impasto che per alcune lavorazioni può provocare il surriscaldamento dell’apparecchio. Tornando al Kenwood Cooking ed al Bimby la descrizione sarà necessariamente più lunga in quanto si tratta di apparecchi in grado di fare molte cose. Se non avete voglia di leggere il resto vi anticipo subito che il problema di questi apparecchi è proprio il fatto che fanno troppe cose finendo col non farne bene nemmeno una. In realtà una cosa la fanno bene: le creme, la bescamella e la polenta, che devono essere cotte a temperatura moderata rimestando continuamente il composto. Mi sembra un po’ pochino per un apparecchio come il Bimby che costa 1.000 euro. Forse sembro un po’ troppo critico ma se devo valutare questi prodotti sulla base della capacità di impastare allora posso tranquillamente dire che c’è di meglio a prezzi più convenienti. Il Bimby impasta male perché le lame alla base dell’apparecchio durante la lavorazione dell’impasto danneggiano continuamente la maglia glutinica invece di favorirne la formazione. Per alcune lavorazione (pane, pizza, etc.) è essenziale ottenere una buona maglia glutinica per dare struttura all’impasto. Il Kenwoon invece lavora molto meglio la pasta limitando il maltrattamento dell’impasto e quindi senza alcun dubbio mi sento di consigliare questa marca. Ricordo comunque che nella versione Cooking, quindi con la possibilità di cuocere gli alimenti anche il Kenwood costa parecchio (circa 1.000 euro). Allora il mio consiglio è quello di acquistare un Kenwood senza funzionalità cooking. C’è ne sono molti ma il migliore è senza dubbio il Kenwood KMC10 che rispetto ai modelli più economici permette di lavorare l’impasto ad una velocità più bassa. In alcune lavorazioni la bassa velocità di rotazione delle pale è un enorme vantaggio. Questo apparecchi costa di listino circa 600 euro ma è possibile trovarlo in offerta anche a metà del prezzo. Clicca qui per vedere le offerte su questo prodotto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *